Diagnosi Prenatale

Campusalute offre la possibilità di eseguire esami diagnostici prenatali durante la gravidanza, utilizzando tecniche innovative e accurate, nel rispetto delle Linee Guida nazionali.
La futura mamma sarà seguita dal Ginecologo specialista durante tutto il percorso diagnostico.

Gli esami proposti si distinguono per la loro esecuzione durante i tre trimestri della gravidanza.

Servizi offerti

I TRIMESTRE DI GRAVIDANZA:

- ECOGRAFIA PRIMO TRIMESTRE: viene eseguita tra la 10° e la 13°+6 settimana di gravidanza e permette di verificare la vitalità dell'embrione, di stimare l'esatta epoca gestazionale e quindi stabilire la presunta data del parto, stabilire il numero dei feti e, in caso di gravidanza plurima, la corionicità/amnionicità. L'esame ecografico permette inoltre di evidenziare le malformazioni maggiori ad espressione precoce e di effettuare, ove possibile, la misurazione della translucenza nucale, da associare sempre ai marcatori sierologici del primo trimestre.

- TEST COMBINATO (BI-TEST): è un test di screening prenatale non invasivo, che può essere effettuato tra la 11° e la 13°+6 settimana di gravidanza. Il Bi-Test evidenzia le condizioni di rischio cromosomico per il feto, in particolare le trisomie cromosomiche 21, 13, 18. Il Test consiste in un prelievo del sangue che rileva i livelli sierici materni di beta-hCG e proteina plasmatica A, associata alla gravidanza (PAPP-A) con l'età materna, e un'ecografia che misura la translucenza nucale, ovvero lo spessore dei tessuti della regione posteriore del collo fetale, lo spazio compreso tra la cute e la colonna vertebrale.

- NON INVASIVE PRENATAL SCREENING (HARMONY TEST E PANORAMA TEST): il NIPS è un test prenatale non invasivo che analizza direttamente il DNA fetale circolante nel sangue materno. Il Test valuta il rischio di anomalie fetali relative ai cromosomi 21, 18, 13 e ai cromosomi sessuali X e Y con una attendibilità del 99% e una frequenza di falsi positivi <0,1%. Il Test può essere effettuato già dalla 10° settimana di gravidanza, con un semplice prelievo del sangue materno.

- VILLOCENTESI: il prelievo dei villi coriali è una procedura di diagnosi prenatale per l'identificazione precoce di eventuali anomalie cromosomiche. La villocentesi può essere effettuata tra la 11° e la 13° settimana di gravidanza. L'esame consiste nel prelievo di tessuto placentare per via transaddominale o per via transcercivale sotto guida ecografica.


II TRIMESTRE DI GRAVIDANZA:

- ECOGRAFIA MORFOLOGICA: viene eseguita tra la 18° e la 22° settimana di gravidanza con lo scopo principale di diagnosticare in modo tempestivo anomalie di crescita, al fine di offrire eventuali cure prenatali adeguate. L'esame ecografico valuta anche la misurazione della biometria fetale, l'attività cardiaca, il numero di feti e l'eventuale corialità, l'età fetale e le dimensioni fetali, l'anatomia fetale, nonché l'aspetto e la localizzazione della placenta.

- AMNIOCENTESI: è una tecnica di diagnosi prenatale invasiva che può essere effettuata tra la 16° e la 18° settimana di gravidanza. L'esame viene effettuato sul liquido amniotico, tramite un prelievo transaddominale ecoguidato e consente di ottenere un cariogramma per l'analisi di patologie genetiche. Sulle cellule fetali prelevate vengono effettuate indagini citogenetiche per la diagnosi di anomalie cromosomiche e malattie legate al cromosoma sessuale X, indagini biochimiche per la diagnosi di errori congeniti del metabolismo, il dosaggio dell'alfa-fetoproteina per la diagnosi definitiva dei difetti del tubo neurale e l'analisi del DNA per la diagnosi delle malattie ereditarie.


III TRIMESTRE DI GRAVIDANZA:

- ECOGRAFIA DI ACCRESCIMENTO: è un esame che permette di valutare l'accrescimento fetale e la sua presentazione, nonchè la quantità del liquido amniotico e l'inserzione della placenta.